“La vita è la somma di tutte le tue scelte”, scriveva Albert Camus.

Compito del marketing è capire meglio come queste scelte vengono fatte [aggiungo io].

Quando ti sembra che un messaggio o un contenuto sono creati specificamente per te, significa che da qualche parte un marketer ha fatto bene il suo lavoro, prendendosi del tempo per comprendere i tuoi obiettivi, i tuoi bisogni e le tue obiezioni.

Ecco, quel marketer ha capito che c’è una regola a cui nessuna azienda può sfuggire: conosci il tuo cliente.

Come? Iniziando, magari, ad ascoltarlo.

Il tuo medico, il tuo meccanico, il tuo avvocato, il tuo parrucchiere ti ascoltano per capire e imparare le tue necessità, preoccupazioni, obiettivi e aspettative, e proporti di conseguenza soluzioni rilevanti.

Tu fai lo stesso con i tuoi clienti?

via GIPHY

Quante volte li hai ascoltati descrivere i loro problemi? Quante volte hai chiesto loro di farlo? Con quali parole? Come hai trasformato il loro racconto in qualcosa di utile per la tua organizzazione?

Saper chiedere e saper ascoltare sono il cuore del concetto di buyer persona.

Sono la chiave per scoprire il mind-set e le motivazioni che spingono le persone ad acquistare una soluzione come la tua. 

Le organizzazioni che si prendono tempo per questo evitano la trappola del vendere alle persone sbagliate nel momento sbagliato.

“Raccontami cosa voglio sapere e aiutami a trovare l’opzione giusta ad ogni stadio della mia decisione d’acquisto, oppure mi rivolgerò a qualcun altro”.

Oggi, essere utile è molto più efficace di essere figo. Se sai a chi ti stai rivolgendo.

Non perderti i nuovi articoli!

Ricevi la mia newsletter con gli ultimi post del Blog e contenuti originali

Accetto la Privacy Policy

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.